Dal 7 al 12 giugno, Milano è stata animata dalla sessantesima edizione del Salone del Mobile, un anniversario importante per la fiera internazionale che ogni anno presenta il meglio di arredamento e design. 

Quest’anno più che mai la tendenza è stata una sola: sostenibilità!

Da sempre la mia filosofia si basa sul riuso e sul recupero di materiali e oggetti dimenticati, con cui stabilire un rapporto inedito capace di riportarli a vita nuova. Non scarti, ma manufatti che raccontano storie e in cui ritrovare una bellezza e una funzionalità inaspettata.

Mi sono piaciute le parole di Maria Porro, Presidente del Salone:

Stiamo sperimentando nuovi modi di lavorare,viaggiare, abitare. Una quotidianità da ricostruire che ci sfida e che ci spinge a reiventarci.”

Ho sempre creduto in questo approccio e, sebbene la strada del cambiamento sia lunga e tortuosa, è dalla ricerca di nuove idee virtuose che si avanza verso il futuro.

Un Salone sostenibile

Un segnale importante è arrivato prima di tutto dall’organizzazione stessa del Salone del Mobile, che ha fissato degli standard di sostenibilità comuni a tutti gli espositori. Arredi provenienti da percorsi di riciclo, risorse rigenerate per l’occasione, prodotti organici e biodegradabili, plastiche riciclate, alluminio e poliuretano. 

Un invito all’economia circolare

L’abitabilità del futuro è all’insegna dell’economia circolare, che mira a ridefinire i principi di costruzione e consumo, concentrandosi su un circolo virtuoso che porti benefici concreti all’intera società. Minore utilizzo di materie, riciclabilità, durabilità e, ovviamente, estetica.
Le nuove esigenze dell’abitare modificano le nostre case, rendendo gli spazi domestici polifunzionali e sfumati, adibiti a più occasioni d’uso.
No Space for Waste è il concept che ha racchiuso una serie di iniziative presenti in uno degli hub principali dell’Isola Design District.
Interessantissima la mostra con focus sui prodotti di design e di arredo, creati utilizzando scarti e materiale industriale e garantendo il minimo impatto ambientale.

Condividi questo articolo